username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Come fu che i gatti mangiano i topi

si narra che una volta,
quando i pesci
eran soliti volare,
gli uccelli nell'acqua nuotare,
gatti e topi
buoni amici fossero.
Molta era l'armonia
buono fra lor l' accordo,
avendo ognun diversi
del cibo, gusti.
Al fiorir di primavera,
consuetudine era,
ai topi di far festa,
con gioia,
i gatti invitaron
sotto il plenilunio, a far baldoria.
Al banchetto,
anzichè la minestra,
i topi portaron
crema e provolone,
torsero il muso i gatti,
colmi di delusione.
Attesero il lesso invano,
invece arrivaron
budini di cacio pecorino,
anzichè l'arrosto,
un pasticcio composto
di gorgonzola.
Ai gatti, la fame morse la gola,
diventaron così tristi ed affamati,
sazi, invece i topi,
con quei formaggi prelibati.
Cercaron i mici, la carne, invano,
ma d'essa non v'era ombra,
s'agitaron e scoppiò la bomba.
Di carne si che c'era,
ciccia fresca di topi, vera!
Accadde allor cosa incredibile,
dalla fame vinti,
si gettaron i gatti
sui topi satolli,
mangiaron le loro carne molli,
senza sputar nemmeno un ossetto,
si deliziarono nel banchetto.
Da quel dì,
topo e gatto,
si fan dispetto,
memori di quella offesa,
gatto prende topo,
non lo molla
fino a la di lui resa.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • Filippo Minacapilli il 13/04/2012 12:45
    Piacevole lettura... colgo un quid di allegorico... a interpretazione libera! Bella
  • vasily biserov il 16/07/2010 21:11
    che fantasia!! che piacere leggerti!!
  • tania rybak il 16/07/2010 11:43
    io ho scritto che vorrei un mondo senza rettili e rapaci, i primi sputtano veleno e gli altri sporcano i cibi prelibati, ma se buon Dio li ha creati avranno un senso pure loro, non amo rivalità, detesto odio e ripicche, baci...
  • - Giama - il 16/07/2010 00:21
    è sempre un piacere leggerti... sei una "forza" assoluta!

    a presto Giacomo
  • Giovanni Carrieri il 16/07/2010 00:11
    incanta ed angoscia quanto una delle più classiche fiabe.
    un giocoso versetto tinto di ombre a tal punto da rendere ogni ombra più nera.
    bellissima, complimenti.
  • Anonimo il 15/07/2010 22:33
    saziarsi alle spalle degli amici porta nemici, questa storia poetica si potrebbe anche giustificare all'uomo cioè scusa al politico che quando va per dar da mangiare mangia. ciao simpaticona, le tue poesie insegnano vita. un bacio Salva.
  • Salvatore Cipriano il 15/07/2010 21:12
    Sei una vera cantastorie Lor
  • rea pasquale il 15/07/2010 16:56
    divertente, molto bella.
    Ciao
  • Dolce Sorriso il 15/07/2010 13:04
    che forte sei Lori... troppo forte!!!!
    Piaciuta molto questa simpatica poesia.
  • Minalouche TS Elliot il 15/07/2010 12:00
    mi è piaciuta, però devo dire che i miei gatti preferiscono le olive! Giuro olive e pane integrale! I gatti son gatti appena mi riportano il pc, è rotto, ti invio una storia che mi hanno raccontato e che spiega perchè i cani quando si incontrano si annusano proprio lì, rotto la coda... un gatto che si rispetti non lo farebbe mai!
  • Anonimo il 15/07/2010 11:49
    bella favola... dalla sottile morale... sempre unica nell'esprimerti... grande e duttile poetessa un abbraccio
  • Donato Delfin8 il 15/07/2010 11:25
    zi zi Concordo Lò.
  • Salvatore Ferranti il 15/07/2010 11:12
    una favola che nasconde la sua morale...
    una poesia molto apprezzata.
  • Vincenzo Capitanucci il 15/07/2010 10:48
    Sembra una versione Lorettiana... della Volpe e la Cicogna... di La Fontaine...

    Bellissima... L'Or...
  • Cinzia Gargiulo il 15/07/2010 10:31
    Piacevolissima poesia. Brava Loretta!...
    Ah bè... ma perchè Gatto Silvestro vuol mangiare Titti che non è un topo?...
    Buona giornata!...
  • laura cuppone il 15/07/2010 10:23
    eheheheh.. gatto mangia topo, cane mangia cane, il toro dice cornuto all'asino e la volpe vomita corbezzoli...
    visto che la pazzia dilaga ormai a macchia d'olio di fegato di merluzzo, oggi mi farò due spaghetti alla chitarra acustica conditi col fiele e il rabarbaro fresco fresco, da brava matta...
    mah.. che ti devo dire... la luna é storta, ancora rido e sorrido... ma sono sull'orlo di una crisi di fame da.. croccantini...
    miauuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

    lau
  • clem ros il 15/07/2010 08:21
    Gradevole edivertente disquisizione. Brava.
  • Anonimo il 15/07/2010 07:59
    .. cosi fu..
    brava Lor...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0