accedi   |   crea nuovo account

Passato futuro

Come velo d'ombre, fluttuando nell'aria colma di tediosi pensieri,
il tuo ricordo, di quando in quando mi sfiora il viso.
Fredda carezza che di vuoto colmi i miei istanti,
pallida, cadaverica, eterea madre dei rimpianti,
dimmi come posso sfuggire al passato quando il mio domani è vuoto.

Tingi il mio animo dei colori dell'autunno quando fuori è primavera,
quando la natura di frutti e chiome fa sfoggio regale,
nell'animo, mi spoglio d'ogni sentimento.

Se osservo al mio fianco, privo d'appoggi e abbracci,
di baci amorevoli e affettuose attenzioni,
di maliziose occhiate e rassicuranti silenzi,
come può non riflettere in quel vuoto specchio l'opprimente passato?

Come fumo ogni pensiero è dissipato,
Nel firmamento nessun futuro è scritto,
nessun nodo nella tela delle Norne,
solo un fragile filo di cotone.

Sorridimi fredda signora, poiché io sorriderò,
abbracciami severa padrona, poiché io t'abbraccerò.
E in quel punto, dove passato e futuro vorticando si fondono,
per un eterno istante, sarò immortale.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • marcella vitelli il 15/09/2010 10:25
    Molto bella Giovanni, intensa. A presto rileggerti, Marcella
  • Giovanni Carrieri il 16/07/2010 00:05
    molte grazie, ad entrambi.
  • Anonimo il 15/07/2010 19:30
    Ottimi versi! Intensa e letta con piacere!
    Bello anche lo stile!


    A. R. G
  • loretta margherita citarei il 15/07/2010 16:13
    la moglie di lot, per guardare indietro divenne di sale, il futuro è un'incognita, vivi il giorno e del giorno l'attimo, da molto faccio così, bei versi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0