PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I funerali

Ricordo i funerali del mio paese,
la gente urlava, sveniva, piangeva.
Il loro dolore ti trascinava
soprattutto quando erano giovani
e con tutta una vita davanti.
Sentivi il peso nel cuore
capivi di piú chi non avresti rivisto.
Familiari ed amici
accompagnavano a piedi
per l'ultimo saluto il deceduto
nella sua nuova casa, fredda, buia e triste.
Rinchiuso in una cassa
dal grande costo
si impegnavano a fargli avere un buon posto.
Perché spendevano cosi tanti soldi?
Lí giaceva il corpo e non l'anima.
Tutto doveva essere perfetto
quando il dolore era tutt'altro.
Qui dove vivo
non vedi gente morire
lo leggi sui giornali
ricordano il defunto nel loro cuore
senza apparire.
Al cimitero come nei film
donano loro l'ultimo saluto
una fossa, la bara dentro
una preghiera ed un pugno di terra come addio
poi conservano il loro sorriso felice nel cuore.
Anche ai funerali la gente
non vuol far parlare di come lo ha fatto andare.
Dovrebbero pensare di piú
a rispettare, amare e vivere liberi...
prima di morire.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • vincenzo rubino il 16/07/2010 16:34
    non so sei siciliana, io si e anche da me i funerali hanno questa connotazione struggente, e te lo dice uno che se ne intende... non perchè sia morto diverse volte ma perchè nipote d'impresari funebri, molta bella cmq.. ciaoooo
  • francesca cuccia il 16/07/2010 12:02
    Grazie amici.
    Scusami Gia, un abbraccio.
  • tania rybak il 16/07/2010 11:58
    bellissima e sono daccordo con te, ho visto morire molti ragazzi giovani del mio paese 18-20 anni, i funerali erano esattamente come hai descritto tu, la vita pero non è un funerale e va vissuta rispettando gli altri nella vita, non solo dopo la morte 10000000stelle
  • - Giama - il 16/07/2010 01:01
    ... troppo forte il dolore che mi giunge dal ricordo... recente... leggendo questa tua poesia...
    ciao franci
    giacomo
  • Minalouche TS Elliot il 15/07/2010 22:54
    la gente dovrebbe, le genti dovrebbero
  • Anonimo il 15/07/2010 18:42
    Francy è bella, la tua opera.
    Poi spazi fra mille tematiche. Stai veramente crescendo.
  • karen tognini il 15/07/2010 18:37


    è sempre bello leggerti...
    brava
  • Antonietta Mennitti il 15/07/2010 18:37
    "Le prefiche " sono retribuite. Ingaggiate in occasione di lutti e funerali in cui dovranno recitare la parte di chi rimpiange l'estinto. Tradizioni e usi ormai in estinzione. Molto sentita Francesca!
  • Sergio Fravolini il 15/07/2010 17:08
    Il cimitero come un film...

    Sergio
  • Vincenzo Capitanucci il 15/07/2010 17:04
    Bellissima e vera... Francesca... credo che nel Sud... ci sono delle piangitrici professioniste che si chiamano... prefiche... al sud è molto importante l'onore... e vuole in quelle calorose menti... un grande apparire...