username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

All'ombra dell'azzurro

Non sempre muoversi, ripetere parole e gesti
cercando di piacere, inseguendo il piacere,
fare per guadagnare e spendere;

conosciamo l'inizio e la fine del Racconto,
tanto vale qualche volta fermarsi ad aspettare,
se ne vanno così i pensieri slegati e senza fine.

Guardare una foglia mossa dal vento
fino a stancarsi del silenzio

e svegliarsi prima d'addormentarsi,
come un vecchio all'ombra dell'azzurro
guarda le formiche che ripetono il loro andare.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • TIZIANA GAY il 28/09/2010 09:47
    mi è venuta in mente l'arte dell'oziare... di Hesse. Sarà perchè non sappiamo più fermarci senza sentirci in colpa? bravo!
  • Giulia locus il 20/07/2010 23:07
    trovo nelle tue parole un'ottima scioltezza.. bravo
  • Giacomo Scimonelli il 16/07/2010 17:24
    ... piaciuta... bravo... parole che necessitano della giusta attenzione...
  • loretta margherita citarei il 16/07/2010 16:35
    bella, intensa molto apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0