PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le mani

Le tue mani, le mie mani
si sfiorano, si toccano,
si intrecciano,
si assaporano, si gustano,
fondono passioni,
la pelle vibra al tocco.

Le dita si insinuano, si
raggiungono e si perdono,
nel crescendo di una
vorticosa danza, fino ai
nostri ventri ansanti
dove si perdono passioni.

Occhi languidi, sussurri,
grida e gemiti ci portano
di sponda in sponda
in voluttuosi piaceri,
siamo ora schiavi ora padroni,
ora tiranni ora vittime.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Pino Badalamenti il 07/08/2010 13:02
    Grazie Laura.
    Quello era il senso della mia poesia: il raggiungimento di un'estasi d'amore dove tutto accade e dove entrambi i protagonisti trovano piacere e nulla rimpiangono.
    Grazie ancora.
  • Laura cuoricino il 07/08/2010 12:29
    Molto intensa... poeticamente passionale!!!
    L'amore appassionato di due amanti che si trovano nell'estasi d'amore...
    Descrizione forte, emozionante, ma descritta con delicatezza.
    Complimenti, Pino!
    Ciao. Laura. Cuoricino.
  • Pino Badalamenti il 05/08/2010 15:57
    Grazie Melany.
    È un bel complimento, grazie ancora.
  • Anonimo il 05/08/2010 12:31
    Passione carnale dove sentire chi si ama è l'unica gioia di un momento quasi eterno! bella!!..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0