username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Linee disturbate

"Tu... tu..." sempre liberi, occupati
in quel groviglio fili disperati

son serpenti di voci fantasma,
strisciano col veleno del marasma.

Vite vuote, vite filettate
vite sole
nel cervello trapanate.

Impulsi ma... lati appuntiti
lì a domandarsi
perchè la vita non s'avviti.

Emicranie fuori di testa
a fissare pensieri afflitti
sui soffitti dell'esistenza
ad afferrare gocce di pazienza.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 19/07/2010 21:57
    una triste realtà ben messa in versi... bravo
  • Vincenzo Capitanucci il 19/07/2010 21:25
    Impulsi ma... lati appuntiti...

    Bellissima Simo... son punte di Stella...
  • Salvatore Ferranti il 19/07/2010 20:54
    sei sempre molto bravo...
    grande simon
  • Elisabetta Fabrini il 19/07/2010 19:29
    Molto bella Simone... anima sensibile la tua!
    un abbraccio!!
    P. S.
    Sono disturbate anche le nostre di linee.....!!
  • Anonimo il 19/07/2010 18:28
    WOW... al solito hai colpito la mia attenzione! ... solitudine e depressione... il male del secolo! Il male che uccide l'anima e come zombi si trascina il corpo.
    Il disperato bisogno di attenzioni in un mondo sempre più indifferente!!!!!
    Non ci sono medicine per questo... e quanti medici propinano pillole per anestetizzare la sensibilità... Ormai parole come amore, comprensione, solidarietà, condivisione... stanno diventando ridicole.
    I disturbati sono tutti coloro che tirano diritti per la propria strada fregandosene del dolore e del disagio di chi gli sta accanto.
  • Anonimo il 19/07/2010 18:21
    La depressione è un male che t'impedisce di vivere appieno la vita,
    falsando i contorni, non permettendo a chi ti ama di arrivare al tuo
    cuore.

    Bellissima poesia Simo, triste realtà...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0