accedi   |   crea nuovo account

Gli anni

Dei miei anni
che son tanti,
infatti
ai prossimi rotondi
suonano la sessantina,
che me ne faccio
se per strada
ho perso
i migliori,
ma come
il savio dice:
-La speranza
è l' ultima
a morire.
Resto
a guardar
dunque
l' ultimo rintocco,
chissà
se una campanella
suona per me
ancora
le sue note
più belle.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • alice costa il 20/07/2010 10:03
    Bravo Don!!!!
    La speranza che anche i prossimi siano... i migliori... per la campanella c'è tempo!!!!!!!
  • Anonimo il 19/07/2010 22:37
    veder alcuni centenari che ancora si riservano vita è un bel incoraggiamento, sessantanni è un traguardo che normalmente spegne il lavoro, e da inizio a sfizi, si aspetta di averli per poter esprimere ciò che non si è fatto prima, credo che una campanella è di diritto, ci tocca. ciao Salva.
  • Giacomo Scimonelli il 19/07/2010 21:17
    letta attentamente regala una speranza... anche se alla fine c'è ugualmente tristezza x ciò che non è stato... bella
  • Nicola Lo Conte il 19/07/2010 20:22
    Vero... tutto può sempre accadere...
  • giuliano paolini il 19/07/2010 18:14
    in una intervista poco prima che morisse vittorio gassman rispondeva che adesso era pronto a frequentare l'asilo, io credo che la stagione della maturità dovrebbe essere quella che svela il tuo patrimonio di bellezza, quella che hai ottenuto lavorando a fondo per modellare la tua anima in sintonia con quello che il tuo cuore ti ha segnalato, certo succede che ci si ferma a riflettere e spesso si dice che non si è fatto quello che si doveva, ecco in quel momento si può cominciare ad ascoltare più onestamente quello che viene da dentro, all'inizio si va per tentativi e spesso si sbaglia ma lo strumento fantastico di cui disponiamo è la sincerità, se sale un no dal cuore poi non possiamo barare e affermare che era un si o un forse, ascolta bene e la voce del fiume che passa non è mai menzognera, a quel punto siedi e godi della brezza del pomeriggio
    buona vita caro nobile un po' mobile

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0