accedi   |   crea nuovo account

Bocca d'Ase

la Bianca signora
illumina il borgo
stanotte
ombre taglienti
disegnano l'arenile
riparano
soffusi e impazienti sospiri
d'amanti d'ogni età
ciottoli levigati chiaccherano
con la frusciante risacca
insonnoliti gozzi
palesano
impassibile distacco
manciate di falene
si contendono
la fioca luce dei lampioni
non ha queto
la notte quì a Boccadasse
fino a quando
un crescendo d'umano vociare
ingrossa il fiume dei sussurri notturni
adusti arti, armano
gl'inseparabili legni
sordi brontolii
avviano
dondolanti battelli da pesca
verso il mare aperto

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • ignazio de michele il 18/06/2012 08:11
    Scià Sabrina... a savèilu che t'èi de Bucca d'Ase... ghe pàssu de mattin pe anàa in Corso Italia pè tegnìime in furma. grazie del commento
  • Anonimo il 17/06/2012 21:01
    Io sono genovese e Boccadasse è il mio altare. Bellissima poesia per la mia adorata scogliera dove il mare parla
  • ignazio de michele il 28/07/2010 22:01
    un sentito ringraziamento a tutti.
  • Anonimo il 28/07/2010 21:32
    praticamente... poesia da respirare, ho passeggiato nei tuoi versi, con la testa fra le nuvole... bellissima, come sempre arte descrittiva nn comune...
  • Fernando Biondi il 20/07/2010 22:51
    una descrizione meravigliosa in una grande poesia.
    complimenti
  • loretta margherita citarei il 20/07/2010 04:47
    bellissima descrizione, meravigliosa poesia
  • Giacomo Scimonelli il 19/07/2010 20:58
    ... verso il mare aperto... bella poesia
  • Anonimo il 19/07/2010 20:38
    Boccadasse è la " cosa " più bella del mondo!!!!!


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0