PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Roberto

Si chiamava Roberto
per nulla amato
presuntuoso certo
e da tutti scansato.
Si sentiva un Dio
e non capiva poverello
che pagava il fio
di ogni suo sfracello.
E per di più
portava grande scalogna,
allontanato su e giù
come fosse una gran fogna.
E se per strada incrociava
un solitario gatto nero
le parti bassi si grattava
mica lui.. il gatto nero..!!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 20/07/2010 22:16
    Molto simpatica e gradita, pure questa.
    Ti mando un nitrito di passion.
  • loretta margherita citarei il 20/07/2010 21:42
    simpatica mi ricorda lo jettatore di totò
  • Giacomo Scimonelli il 20/07/2010 12:31
    ... povero Roberto... chissà che sofferenza... essere trattato peggio di un gatto nero... al posto di Roberto mi sentirei solo e perso...
  • Antonietta Mennitti il 20/07/2010 11:31
    Povero gattino Auro e poverello lui scalognato com'era!!!!!! Divertente.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0