accedi   |   crea nuovo account

Un giorno chissà

La gente ama disperarsi e lasciarsi andare nei sette,
ma nessuno sa qual'è la fine
Il mondo intero crede e ancora spera, io rido e indietreggio perchè la madre
Ha finito di esistere insieme allle sue grazie, invidiose delle arpie arrivate
A dar morsi alla verità, i loro strilli echeggiano sull'intero universo
E solo quel qualcuno potrà salvarci da queste insidie mortali.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Sergio Fravolini il 21/07/2010 16:48
    Disperarsi non è amare ma soltanto salvarsi...

    Sergio
  • Giulia locus il 21/07/2010 14:34
    mille grazie
  • Anonimo il 21/07/2010 10:18
    strana e arcana descrizione della vita vista dai tuoi occhi, scritta in maniera originale e molto bella... complimenti
  • Aedo il 20/07/2010 23:52
    Son d'accordo con te: la realtà è piena di arpie e mostri senza cuore... però il mondo intero deve ancora sperare. Bravissima!
    Ignazio
  • Anonimo il 20/07/2010 18:32
    Realtà del mondo descritte molto bene
  • Giacomo Scimonelli il 20/07/2010 16:44
    ... il mondo intero crede e ancora spera... bellissima