PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Solo e solo

Tocco con mano
gli interminabili silenzi
dove non c'è luce.

Nella confusione mi aggiro
nel dolore di un momento
fra cenere e sogni.

Talvolta un barlume di luce
soffoca il bisogno di parlare
e mi fermo per un attimo...
un lungo sospiro.

Senza paura
oltrepasso l'azzurro
e la mia compagna silenziosa
accarezza i sensi illudendomi
che ogni cosa sarà più piacevole.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • denny red. il 21/07/2010 15:51
    solo.. una carezza..
    bella!! bravo!
  • Giacomo Scimonelli il 21/07/2010 15:44
    triste ma bella... mi rispecchio nei tuoi versi...
  • Anonimo il 21/07/2010 15:14
    Questa mi piace proprio. Bravo
  • Giulia locus il 21/07/2010 14:38
    triste ma solida.. scrittura molto sicura e decisa.. si vede che ci credi molto e sei appassionato bravo
  • Paolo Rossi il 21/07/2010 09:42
    Che triste, che bella. La vera solitudine, quella che più fa soffrire, è quella che si prova in mezzo agli altri. Complimenti
  • francesca cuccia il 21/07/2010 09:40
    La solitudine,
    il buio
    sempre presenti.
    Intensa.
  • Anonimo il 21/07/2010 09:12
    Io avrei scritto " Talvolta un bagliore "
    Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0