accedi   |   crea nuovo account

Il poeta e la principessa smarrita

Questa è una favola che parla di tutto ma non parla di niente,
è la favola che prende spunto da un famoso teorema,
ma da un punto di vista diverso, che non ricorderà mai la gente,
perché la rima è confusa in questo testo e i suoi versi...

c'era una volta anche se a pensarci bene ancor è,
una bambina smarrita che camminava e piangeva,
camminava lamentandosi dell'amore che abbandonata l'avea,
e a ogni lacrima chiedeva "ancor m'ama o non m'ama?",
mentre una margherita ad ogni passo, dietro di lei cresceva...

la principessa terminate le lacrime diventò donna,
e il suo dolore imparò a celare agli occhi del mondo,
ma di nascosto ancora guardava nel petto quella ferita,
ripensando alle mani che le strapparono il cuore,
lasciando al suo posto un freddo pezzo di arida pietra...

c'era una volta anche se a pensarci bene ancor è,
un bambino smarrito che camminava e cantava,
camminava e scriveva d'amore, di sogni, di libertà e di vita,
e così il suo errare lo portò in un viale coperto di fiori,
mentre una parola ad ogni passo dietro di lui cresceva...

Questa è una favola che parla di tutto ma non parla di niente,
è la favola che prende spunto da un famoso teorema,
ma da un punto di vista diverso, che non ricorderà mai la gente,
perché la rima è confusa in questo testo e i suoi versi...

forse fu destino oppure soltanto il caso che li fece incontrare,
fatto sta che il poeta si avvicinò portando in mano un sorriso,
e quando davanti a tanta bellezza riversò un mare di parole,
la principessa sorrise smettendo per un istante di star male,
ma di nascosto ancora guardava nel petto la sua ferita...

così un giorno accorgendosi che la principessa aveva un segreto,
quando le chiese cosa la sua anima continuasse a turbare,
lei gli parlò delle mani che le avevano strappato il cuore,
mostrando al suo posto un freddo pezzo di arrida pietra,
sul quale il poeta sorpreso non trovò nessuna delle sue parole...

la realtà arrivò a strapparlo da quel sogno in modo violento,
ma lui sorrise lo stesso e allontanandosi lasciò una canzone:
c'era una volta anche se a pensarci bene ancor è,
una bambina smarrita che camminava e piangeva,
camminava lamentandosi dell'amore che non riusciva a trovare...

 

l'autore Luigi Locatelli ha riportato queste note sull'opera

Concesio 21_07_2010 ore 12. 16


0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 24/07/2010 22:35
    Ecco il punto di vista del sofferente, del rifiutato, dell'illuso, del tradito.
    Molto bella da leggere, piacevole e vera.. Complimenti!
  • Anonimo il 22/07/2010 00:39
    favola intensa e di contenuto... letta tutta d'un fiato complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0