accedi   |   crea nuovo account

Invisibile

Un passo dopo l'altro
fantasma per le strade nelle piazze
senso di niente fame di tutto
nella mia solitudine isola nel mondo
corpi affollati mi sfiorano mi toccano

occhi mi attraversano come se non fossi

donne... angeli fate brutte atroci
piume danzanti bocche protese
profumi stordenti pelle carne odori caldi
folla sottana mi attraversa mi ubriaca
mi perdo mi piace mi tace ed accende

occhi mi attraversano come se non fossi
sguardi per un niente valicano i miei

speranza... mia fedele ed unica amante
mi porta mi palpita mi scuote ed eccita
guardo goloso come il cane la cagna
ho pietà di me che manco il bersaglio
visioni mi schivano o forse mi spregiano

occhi mi attraversano come se non fossi
sguardi per un niente valicano i miei
io non esisto... io sono deforme

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Sergio Fravolini il 24/07/2010 12:16
    Un fantasma vero che nella sua piccolezza ama.

    Sergio
  • denny red. il 24/07/2010 02:37
    splendida!! paola, quando gli specchi si romperanno, e si romperanno, pezzi di vetro come lame truccheranno i loro occhi, la luce si spegnerà, tenderanno le mani, ma.. una lancia invisibile implacabile, gli traffigerà la vita!
    Ciaooo!!! paola
  • Anonimo il 23/07/2010 15:07
    "occhi mi attraversano come se non fossi
    sguardi per un niente valicano i miei
    io non esisto... io sono deforme"

    Io sono deforme, quindi esisto, perchè sono... ed è bello essere comunque sia
  • Anonimo il 23/07/2010 12:00
    Poesia di spessore, dove s'avverte un senso di smarrimento. Versi forgiati con destrezza ed abilità poetica. Sublime!
  • karen tognini il 23/07/2010 11:24
    Meravigliosa poesia...

    bravissima...
  • Giacomo Scimonelli il 23/07/2010 11:05
    speranza... mia fedele ed unica amante...
  • Anonimo il 23/07/2010 10:52
    Sotto hanno detto tanto. Condivido tutti i commenti di chi mi ha preceduto, in particolar modo quello di Sergio.
    Aggiungo solo che me la salvo nei preferiti perchè è bellissima.
  • Aedo il 23/07/2010 10:30
    Siamo invisibili di fronte al nulla di un mondo, che ha dimenticato cosa significa emozionarsi. Nonostante tutto, però, il cammino prosegue illuminato dalla speranza...
    La tua poesia mi è piaciuta moltissimo e mi trovo nella stessa lunghezza d'onda. Bravissima!
    Ignazio
  • marinella addis il 23/07/2010 10:03
    in un mondo dove l'esteriorità è tutto..è facile sentirsi così! molto vera. brava
  • Sergio Fravolini il 23/07/2010 09:30
    La deformità può essere bella... non fa differenza.

    Sergio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0