accedi   |   crea nuovo account

Agosto

Agosto,
mois de folies.
A città và in ferie,
se svacantono e vie;
tutti al mare.
Chi ten'e soldi
và in albergo a cinque stelle,
chi nun'e tene
và al "lido mappatelle".
Mai na nuvità,
spiagge esclusive,
trenta metri di barca,
aragost'e schampagne,
je fessi s'hann'arrangià.
Pure o sol Leone
fa la selezione,
corpi abbronzati,
uniformemente dorati
e gente ca nun'ha mai faticato.
Chi ha tirat'a carretta
pe na vita intera,
rossi comm'e puparuoli,
m'brelluni sgangherati
e tutti spellecchiati.
Agosto
accentua la disuguaglianza,
a fa parè evidente,
e mm, sà ca a crisi
l'hanno n'ventata a tavulino,
tanto,
pagano i soliti cretini.
Agosto
mois de folies,
chi spenne nu capitale
pe na serata,
e chi sadd'accuntentà
e na leccata e gelato.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ezio Grieco il 03/08/2010 00:10
    ... io pure, io pure!
    Ciao Vincenzo, grazie.
    cl
  • Ezio Grieco il 03/08/2010 00:10
    .. non c'entra niente il Capitale, è solo qestione di... fortuna e di... Natali... senza per questo adare ad indagare come e quando i..."beati" hanno costruito le loro fortune.
    Ciao Capitano, grazie per essere passato.
    cl
  • vincent corbo il 23/07/2010 20:03
    Simpaticissima composizione, io sono uno di quelli meno fortunati che maggi'accuntentà.
  • Vincenzo Capitanucci il 23/07/2010 16:43
    neanche quando siamo in costume da bagno... siamo tutti uguali... c'è chi s'indora la pelle... e altri son rossi come... puparuoli...

    Bella simpatica Ezio... neanche d'Agosto... riesco a pupparti il ruolo... eppure il Capitale l'ho letto tre volte... lol...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0