PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La notte bianca

In questa notte,
nel divagar insonne
l'anima mia intercede
ad interrogar la sorte.
Dormir non puote
per conciliar l'estro,
regolar a suon di note deve mesto
l'amorose opere del suo maestro.
Dalla vita mia futura
vorrei certo sempre e bene,
ma giacche' non vi e' in natura
vorrei ben conoscerne il seme.
Questo mondo di fulmini e lampi
ci rende tutti un po' ingombranti;
e se la guerra divide in tanti
A MORIR SON SEMPRE I SANTI!

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Donatella il 30/05/2007 19:44
    Condivido con ian roma, tutti e soprattutto alcuni ingombranti direi.. i presuntuosi, gli arroganti, i boriosi, gli arrampicatori e tutti quelli che non sorridono mai...
  • sara rota il 13/03/2007 16:36
    Verso la fine potrebbe essere quasi come un inno alla pace. Bella
  • Caterina Siclari il 13/03/2007 11:53
    I Santi sono coloro che hanno capito il senso della vita e sono pronti per il Paradiso.
  • ian romanto il 13/03/2007 11:40
    bella poesia, ritmica, metrica e rime baciate e non. troppo vera la fine a morir son sempre i santi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0