accedi   |   crea nuovo account

L'ennesima ultima estate

L'ennesimo respiro
fatica a lasciar le mie labbra
aride.

Pensieri si affollano
ospiti molesti,
fastidiose zanzare,
pungenti,
indesiderate.

Rigiro il bicchiere
tra dita pigre,
intorpidite,
ipnotizzata dal suono
liquido.

L'ennesima goccia di sudore
dalle tempie scivola,
pigramente,
lascia la sua scia,
gusto salato
che non disseta.

L'ennesimo attimo pensieroso,
stanco di echeggiar
vanamente,
è sole bruciante,
urla parole insensate,
dalle quali cerco riparo.

L'ennesimo torrido pomeriggio
soffocante,
silenzioso, agonizza
l'ennesima ultima estate.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • eurofederico il 12/08/2014 17:48
    che bella questa poesia! sintetizzati nei versi la noia, la disperazione, la solitudine, l'inutilita'...
  • Maurizio Cortese il 30/10/2010 22:25
    Se c'è sempre l'ennesimo vuol dire che siamo vivi: calligrafica descrizione di una giornata torrida.
  • Nicola Lo Conte il 03/10/2010 12:49
    Ci sono momenti in cui tutto sembra spento e vano...
    eppure dopo la notte viene sempre il mattino...
    sorridi, quindi al nuovo giorno...
    perché tutto può accadere
  • Anonimo il 24/07/2010 16:50
    Se scrivi queste poesie sarai giovanissima fino alla fine.
    Un preghiera effimera. Cos'è una preghiera fatta da un moscerino come me?
    Un augurio di altre ultime estati.
    Con una mano ti accarezzo la tua.

    Sabrina

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0