PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E della notte

L'estate bruciava
il respiro del vento,
impigliata la luna tra i rami
del faggio ce la porgeva,
come anello.
Complice il canto dei girasoli,
assetati di sole,
nel campo riarso
dal fuoco dell'estate
e dentro le crepe della terra,
il mistero di una notte,
cantata dai grilli.
La città persa
con le sue luci lontano,
ci spiava, la spiavamo
nella complicità di un abbraccio
lieve carezza,
nel palmo caldo della notte,
nel sudore della sua anima.
Le nostre strade
si erano per un attimo intrecciate,
ritrovate e già perse
e come un nastro avvolgevano
le nostre vite
dentro il sospiro del destino,
nel battito del suo cuore,
nel pulsare di un' incontenibile voglia.
Le creature della notte
ci osservavano complici,
con gli occhi del buio
a catturare una favola,
come rumore lieve e sommesso,
il suo passo.
Mi stringevi e,
della notte,
non avevo più paura.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 03/08/2010 17:09
    Piacevolissima lettura. Gradita. Complimenti!!
  • Simone Scienza il 27/07/2010 16:15
    La notte, con tutti i suoi occhi,
    spettatrice d'un intenso ricordo d'amore

    Come sempre tu Lally
  • Anonimo il 27/07/2010 06:55
    Vivi complimenti per la maestria poetica
  • tania rybak il 27/07/2010 00:51
    forse hai descritto il primo amore o un'amore importante non so, ma è bellissima
  • Giacomo Scimonelli il 26/07/2010 13:34
    stretta in un abbraccio... e non aver paura più della notte... semplicemente bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0