username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Contraddizioni

M'invento sogni
di cui mi pento
alla prima occasione
- li sfracello
contro muri di cemento -

Raccolgo idee
e ne faccio bandiere
che poi rinnego
come fossero peste
- cerco la vita
senza parlare d'amore -

Lancio esche leggere
che poi non riprendo
- cascasse il mondo
rimangono a fondo -

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Dolce Sorriso il 27/07/2010 13:26
    mi piace!!!!!
    SEMPRE BRAVISSIMO
    SMACKKKKK
  • tania rybak il 27/07/2010 01:33
    chi vive nella continua contraddizione con se stesso, si sfascia dentro, perché il suo essere non è solido, di conseguenza non sono solidi i suoi pensieri, raccolte dagli altri e sbandierate, se pur si raccoglie l'amore, prestandolo dagli altri perde di valore, perché diventa artificiale, per cui si fugge da se stessi rimanendo in trappola di se stessi... ho detto tante cose, forse non ho compreso bene, ma è molto significativa secondo me, bravo
  • Anonimo il 26/07/2010 23:16
    Bellissima poesia
  • loretta margherita citarei il 26/07/2010 20:11
    sei forte, salva, bellissima poesia
  • B. S. il 26/07/2010 16:44
    "M'invento sogni
    di cui mi pento
    alla prima occasione
    - li sfracello
    contro muri di cemento -"
    Qui secondo me c'è tutta la poesia.
    Come sempre bravissimo
  • Anonimo il 26/07/2010 15:49
    Bellissima poesia
    complimenti
  • laura marchetti il 26/07/2010 15:19
    Sempre il mio preferito... un bacio
  • Anonimo il 26/07/2010 15:06
    È un interessante leggere. Peccato abbia -nella mia concezione della costruzione d'un discorso in versi- una frattura di forma nella sua seconda strofa, perchè a differenza delle altre due(la prima e la terza) nelle quali l'efficace distico che chiude ognuna è esplicativo e connesso ai versi che lo precedono, in questa invece il distico finale non si correla al pensiero espresso nei quattro versi precedenti. Comunque sento, nella voluta scelta a dire con parole semplici, un suono di poesia. LeLe.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0