accedi   |   crea nuovo account

La sceneggiata

- A Cuncé,
aggiu vistu
dintu u parcu
stammattina
ruje picciuncielli
e tubavano
tubavano
e dinte e recchie
se dicevano
parole doce
doce assai;
a Cuncé
chilli facivano ammore!

- Aggi suntutu Pascarié.

- E nuje?
che facimmu Cuncé?

- Nuje?
Pijamose stu café
ce mittummu
nu pocu cchiu e zucchero,
accussi cchiu doce
scenne abbasciu Pascarié.

- Puru na soddisfazione
è Cuncé!
Quannu
ci sta
a vicchiaia
anco u cardillu
vola.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • tania rybak il 27/07/2010 00:54
    sempre unico, maestro dei dialetti
  • loretta margherita citarei il 26/07/2010 20:04
    scoprirti in vernacolo napoletano, mi sorprende, bravo don
  • Anonimo il 26/07/2010 15:35
    Molto simpatica
    Piaciuta
  • Anonimo il 26/07/2010 15:15
    Sei ancora govanissino e con la Concetta, puoi fare furore. Poi magari un caffè. Molto simpatica. Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0