username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

D'estate, il ritorno

Li vedevo tornare
d'estate al paese,
auto e vestiti colorati
coloravano i sorrisi
di chi li aspettava.
E per un attimo il paese
si riempiva di accenti
come una metropoli
Belgio, Lussemburgo, Olanda,
Svizzera, Francia,
quelli lontani
che vivevano in America
non sono più tornati.
Solo ricordo, la gioia
del ritorno e l'amarezza
ed il vuoto della partenza.
Ero piccola,
ma avvertivo già grande il distacco.
Portavano cioccolate in dono
e caramelle colate,
sudate dentro le ore in fabbrica
e nelle miniere,
ero piccola,
ma avvertivo già grande la fatica.
Li vedevo sparire, nella polvere
così come erano tornati,
salutando dal finestrino e dalle
auto cariche di valigie
e scorte di abbracci e cose fatte in casa,
con amore e con cura,
per rinfrancare l'anima e
ricolmare la lontananza di chi partiva
lasciando il cuore.
E poi la vita continuava
come sempre,
con le donne e gli anziani
ad aspettare un'altra estate,
una stagione migliore,
per rabbracciare ancora la vita.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Antonietta Mennitti il 29/07/2010 10:15
    Gli emigranti che ritornano alle loro origini, un bellissimo quadretto hai esposto in questa poesia. Ma la loro partenza sarà ancor più amara, come fu il loro primo addio!
  • tania rybak il 28/07/2010 22:43
    mi hai ricordato i miei viaggi a casa, come hai scritto tu d'estate, il tempo delle vacanze, le valigie, i parenti e amici che venivano a trovarmi perché non mi vedevano da tempo, poi ripartivo e la loro vita continua, anche la mia... fono la prossimo incontro... mi ha commosso, bellissima
  • Don Pompeo Mongiello il 28/07/2010 20:27
    Una poesia veramente ben scritta. Complimenti!
  • francesca cuccia il 28/07/2010 18:13
    L'estate di vita.
    Sogni e amori.
  • Simone Scienza il 28/07/2010 16:16
    Spaccato di estati,
    spiragli di colori fra il grigiore della sofferenza,

    Privazioni e stenti contorniati dalla tua commovente grazia di sempre.
  • Giacomo Scimonelli il 28/07/2010 14:40
    ... aspettare l'estate... x riabbracciare ancora la vita... complimenti...
  • Laura cuoricino il 28/07/2010 12:47
    Commovente e dolce descrizione con gli occhi innocenti del ricordo di una bambina!
    Sì, Laura l'estate una stgione per abbracciare la vita! Ciao. Cuoricino.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0