accedi   |   crea nuovo account

Mondi Paralleli

Due mondi molto distanti
nati all'inizio del tempo,
parte dello stesso universo,
figli di una terra vagabonda,
somiglianti ma non uguali,
l'infido si nutre dell'altro,
come un parassita lo divora
si ingrassa e si arricchisce,
con astuzia senza fare nulla,
l'umile costretto a tollerare,
diventa sempre più scarno,
lavora si sacrifica e piange,
ma ha sempre meno linfa vitale.
Mostro scellerato e ottuso,
non ti avvedi e non capisci,
stai inaridendo tuo fratello,
senza scampo lo farai morire,
determinando così la tua fine.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • andrea piumedoca il 02/08/2010 02:55
    Conoscete la favola della rana e dello scorpione? Questa è la fine che fa l'umile se da retta all'infido. Se può consolarci lo scorpione muore insieme alla rana...
  • Anonimo il 30/07/2010 09:54
    Una triste realtà, un tema che ti fa onore... bravissimo.
  • laura marchetti il 29/07/2010 17:07
    alla fine chi ne fa le spese sono quelli che non lo meritano... ottima riflessione
  • anna rita pincopallo il 29/07/2010 15:34
    e' un problema purtroppo irrisolvibile finchè non ci sarà in noi la coscienza di salvaguardare la natura che ci circonda... bella piaciuta
  • Falco libero il 29/07/2010 13:51
    Grazie amico Denny
    Falco
  • denny red. il 29/07/2010 13:49
    La natura piano piano muore.. e il mostro ride. Eppure son fratelli! Che tristezza!!
    Sempre grande il falco, è poesia, BELLISSIMA!! poesia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0