accedi   |   crea nuovo account

Abbiocco prima e dopo pranzo in ufficio

Che invade il mio corpo,
rendendolo arrendevole e impotente,
abbiocco che si insinua lentamente nella mente,
che socchiude pesantemente i mie occhi,
sono in un nuovo mondo, leggero e fluttuante
dove piccoli gnomi mi guardano sorpresi ai bordi del bosco,
mentre gli animaletti saltellano fra loro...
stessi dormendo...

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • denny red. il 31/07/2010 00:39
    originale poesia, anna, dolce calma poesia.
  • Anonimo il 30/07/2010 01:11
    Mi sei sempre simpatica...
  • Anonimo il 29/07/2010 19:16
    Cavolo... mi viene voglia di accucciarmi, sai
    Molto simpatica e comunicativa
    Un abbraccio...
  • Ugo Mastrogiovanni il 29/07/2010 18:58
    In ufficio, ma non si fa! Comunque mi sei piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0