username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'uomo che suonava la tromba

Suona la tromba
come ha sempre fatto
l'uomo con la barba
me lo ricordo da bambino
con la sua divisa rossa
a strisce blu
e il cappello verde
- quanto l'ho desiderato quel cappello...-

Hanno sempre detto che è bravo
- uno che ha talento -
ma ora è ridotto male poveretto
nella stanza d'un ospizio
con la sua vecchia tromba in mano
nemmeno mi riconosce
crede che io sia l'imbianchino
e mi indica una crepa nel muro
- vuole che la spazzi via
con un colpo di stucco -

Di notte quella crepa diventa ragnatela
e compare un ragno gigante
- che ha sempre fame -
lui si spaventa e mette la testa
sotto il cuscino
ma a volte non è sufficiente
e trema come una foglia
mentre abbraccia la tromba
l'unica amica che gli sia rimasta
l'unico punto di riferimento
in questo suo mondo ballerino...

Lo saluto e lui attacca una canzone
- mi ricordo d'averla già sentita -
ma gli è rimasto poco fiato
nemmeno il tempo d'uscire dalla porta
che è già tornato il silenzio
il vetro della finestra
me lo mostra un'ultima volta
- la sua faccia ossuta
che ancora s'interroga
sulla strana visita d'un imbianchino
che non è stato capace
d'eliminare una crepa dal muro -

Non immagina quanto io mi senta inutile
non sa nulla del dolore che porto dentro
perchè io sono il figlio
dell'uomo che suonava la tromba
sono carne della sua carne
ma ormai cosa importa?
Di me chi si ricorda?

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • marilena il 03/08/2010 20:17
    molto bella e inaspettato il finale, mi dispiace per tuo padre
  • Anonimo il 31/07/2010 21:58
    Veramente di alto livello. Complimenti.
  • Antonietta Mennitti il 31/07/2010 18:51
    Autobiografica e ben scritta! Molto vera Salva!
  • Elisabetta Fabrini il 31/07/2010 00:05
    Non dico niente... non ce ne è bisogno!!
  • denny red. il 30/07/2010 23:59
  • laura marchetti il 30/07/2010 21:09
    dolcissima poesia, le note del tuo cuore e delle tua poesia salgono sempre in alto...
  • Manuela Magi il 30/07/2010 19:48
    Magnifica Sal.
    Mi hai emozionato alla grande. Quanta tristezza in questi versi!
  • Laura cuoricino il 30/07/2010 19:21
    Struggente e veramente bella... sono così commossa che ti lascio un caro saluto. Cuoricino
  • patty picci il 30/07/2010 18:46
    caro salvatore ho provato un'intensa emozione leggendo la tua poesia
    ho vissuto anch'io una situazione simile ed è proprio vero ci si sente inutili e il dolore è tanto.. e purtroppo è una storia senza lieto fine nonostante gli sforzi che si fanno per assisterli...
  • Sergio Fravolini il 30/07/2010 16:15
    Brividi e passioni...

    Sergio
  • Giacomo Scimonelli il 30/07/2010 15:54
    complimenti per la tua poesia... veramente bella
  • Anonimo il 30/07/2010 15:49
    Il tempo non scalfisce il cuore, non toglie carne alla carne.
    Poesia da brividi...
    In bocca al lupo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0