username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Serata sbagliata

quasi tempo da inverno
giornata d'inferno
strade bagnate
da angoscie e risate,
morti viventi
in falsa esistenza,
odore d'essenza
profumo di fumo
venduto comprato
a prezzo sbagliato,
giù nella piazza
di speranze mancate,
amori incontrati
erotismi sfrenati,
volti sconvolti
in racconti iventati,
sordo assordante boato
un lampo un tuono
di falsa vitalità
svanisce il frastuono,
scusate signori
non vengo con voi,
ritorno
dentro il mio sogno
della vostra presenza
non ho bisogno.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Laura cuoricino il 07/08/2010 19:41
    Bellissima! Sì, preferisco come te, rimanere nel sogno, nel mio sogno pulito, ma vero e mio solo mio, senza falsità, arrivismi ed ipocrisie!
    Complimenti Fernando!
    Ciao. Cuoricino.
  • Don Pompeo Mongiello il 31/07/2010 20:39
    Onestamente una poesia che mi ha riscaldato il cuore e ti dico grazie. Bravo davvero!
  • Anonimo il 31/07/2010 15:34
    Quel che osservo al di fuori del mio "io" non mi interessa, ipocrisia, vizi, sesso senza amore... rimango con il mio vissuto, i miei sogni, la mia solitudine... preferisco!!

    Bella, profonda, matura...
  • denny red. il 31/07/2010 00:28
    non vengo con voi, volo via nel mio mare profondo..
    Stupenda!! Fernando. Bravo!!
  • Salvatore Cipriano il 30/07/2010 23:49
    Un mondo caotico, pieno di tutto e di niente.
  • Raju Kp il 30/07/2010 23:23
    Bellissima... tipo di poesia che da un senso e sapore buon alla solitudine
  • Anonimo il 30/07/2010 23:08
    Molto bella Certe volte è molto meglio stare con la delicata, sincera ombra di sè .

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0