PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mai più avrai

Il mio respiro ti culla il viso,
il mio amore ti regala considerazione,
il mio orgoglio non mi fa più uomo
e tace in disparte nel buio di un'anima
stanca, cupa, triste e sola.

Vorresti trovare la parola,
ma tu non conosci la disperazione,
non sai mentire al pensiero,
non sai piangere la paura di perdere
la luce che ti illumina il cuore.

Forse non è amore,
ma puro sentimento che appare confuso,
che si alimenta dei sorrisi altrui,
ma non del sorriso di chi ti ama, di colui
che libera versi e strilla con pianto
non te ne andare, resta o mi perderai.

Sicuramente il cielo sempre vivrà
ma il suo sorriso mai più avrai, oggi,
domani solo bugie e falsità, nessuna
promessa ha vibrato nell'universo,
troppe paure senza senso.

E adesso l'ennesimo pensiero
si adagia accanto al pianto,
accanto alle urla dell'amore,
non era solo desiderio,
e lo capirai appena ti rifletterai
allo specchio, non trovando sul tuo viso
il dolce suo sorriso.


Ergiti donna se conosci il pianto,
liberati dalle catene, stupisci la coscienza,
abbandonati alla felicità,
fallo, perchè un'altro cielo uguale
mai più ritornerà, mai più ti avvolgerà,
e freddo e caldo non distinguerai,
tutte le stagioni saranno uguali.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

20 commenti:

  • mariella mulas il 19/12/2011 11:20
    E profondo disquisire sensazioni mio caro, tu che cogli la dimensione femminile molto spesso infelice, e con la chiusa solleciti quel cambiamento, quella rivalsa che solo l'arma della dignità riesce a far vincere! GRANDEE!
  • Gè Marcia il 03/08/2010 10:27
    Trascina con se, senza sosta la tristezza, l'amarezza e la solitudine di un tempo che nessuno più ci ridarà. Molto bella complimenti
  • Antonietta Mennitti il 02/08/2010 12:34
    Questa tua poesia è un urlo liberatorio... Ben scritta Giacomo. Bravo!
  • Anonimo il 02/08/2010 12:09
    semplicemente fantastica, hai urlato tutta la tua rabbia in maniera superba... fra le mie preferite
  • Giacomo Scimonelli il 02/08/2010 11:50
    grazie Alessandro... Gisella... Ylenia
  • ylenia 2010 il 02/08/2010 11:42
    ... un altro cielo uguale mai piu ritornerà... bellissima dedica, si percepisce che è scritta con il cuore (come tutte le tue poesie). bella e molto toccante. bravissimo
  • Anonimo il 02/08/2010 10:35
    la tua sensibilità permette a chi come me vorrebbe esprimere quanto dentro gli urla e non trova ancora il coraggio di tirarlo fuori.
    grazie
  • Alessandro Moschini il 02/08/2010 05:15
    Molto bella... complimenti vivissimi...
  • Giacomo Scimonelli il 02/08/2010 00:12
    grazie a tutti x i commenti...
  • Maria Piera Pacione il 01/08/2010 23:47
    complimenti sei un grande poeta...
  • laura marchetti il 01/08/2010 19:58
    BRAVISSIMO, SUPER
  • Anonimo il 01/08/2010 17:46
    Complimenti, è meravigliosa.
    L'ultima strofa mi ha lasciata a bocca aperta.
    Ciao =)
  • Anonimo il 01/08/2010 16:32
    Perché un altro cielo uguale mai più ritornerà, mai più ti avvolgerà... verissimo, ogni attimo che viviamo è unico e irripetibile.
  • claudia pinheiro montenegro il 01/08/2010 14:39
    Porque não funciona?

    Eu vi meu Jesus " face a face " quando me ergueu do chão
  • claudia pinheiro montenegro il 01/08/2010 14:38
    in tempo

    Eu vi meu Jesus 'face a face' quando me ergueu do chão
  • claudia pinheiro montenegro il 01/08/2010 14:37
    Ciao Giacomo,

    Eu vi meu Jesus 'face a face' quando me ergueu do chão
    Lavou minha imundícia e tratou de todas as minhas feridas
    Me ensinou a esperança e me falou do amor enchendo-me de alegria
    Eu vi meu Jesus "face a face" quando me cobriu com seu Manto
    Roupas que Ele mesmo fez para mim são as vestes de louvor
    Me ensina da Palavra da Verdade da fé da Vida e do Amor
    Eu vi meu Jesus 'face a face' quando me trouxe até vós
    Me fez escrever versos poesias e palavras do Amor
    E hoje é tão alta a Sua voz não escutais vós?

    ti abbraccio forte,
  • Giacomo Scimonelli il 01/08/2010 13:11
    volevo solo aggiungere che il vero dolore è dato dalla consapevolezza che la musa sceglierà nonostante tutto solo ciò che la rende libera e felice... non curandosi del dolore del proprio uomo... relegandolo x l'ennesima volta in un angolo... al buio nascosto e solo... solo il suo sentire la fa forte... solo il suo volere conta... e non curante sceglie... ma il proprio uomo già sa che cosa sceglierà... e quindi spera solo che la falsa sua speranza lo convinca della fine di quell'amore... conosce la risposta e sa che mai la musa scieglierà lui... mai saprà stupirlo e sorprendere... semplicemente xchè , incolpevole, la musa non conosce l'amore... ma solo un sentimento più o meno forte che ha confuso con il vero amore... ... ci tenevo a rendere più chiara la lettura... grazie a tutti
  • Elisabetta Fabrini il 01/08/2010 12:24
    Bellissima Giacomo... un urlo di disperazione che parte dal tuo cuore!!
    Mi hai commossa!
    Bravo!
    un abbraccio Ely
  • Sergio Fravolini il 01/08/2010 12:10
    È un'opera sotto certi aspetti chiusa letteralmente che racchiude la voglia di avere un amore vero.

    Sergio
  • Laura cuoricino il 01/08/2010 11:08
    Particolarmente bella e melanconica:sofferenza ed amore... amore e sofferenza!
    È vero un altro cielo non ci sarà e le stagioni saranno uguali!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0