username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Per non dimenticare

Due agosto 1980
ore 10:23,
gente indaffarata
con valige e borse,
bambini vivaci
attaccati
alle gonne
delle mamme
o ai calzoni
dei padri
per prender posto
sui treni in sosta
alla Stazione Centrale
di Bologna.
Ore 10:24,
la scena è la stessa,
solo un bambino
cadendo
con il gelatino
piange,
ma è subito
acchetato
dalla mano sicura
del padre.
Ore 10:25,
un boato terribile
squarcia l' aria,
donne, bambini,
uomini e cose
si trovano
in un caos
indescrivibile;
quando la cosa
si placa un po',
si contano
morti e feriti,
sono tanti,
ma non sono
solo numeri.
Oggi 2 agosto 2010
li ricordiamo
come ognuno di noi può,
magari chi
impossibilitato è
sul posto della strage,
che non ha un perché,
di persona
recarsi,
almeno
osservi
un paio di minuti
di silenzio,
in onore di quelle inutili
VITTIME,
per mano
di chi
la vita
disprezza.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • alice costa il 05/08/2010 10:48
    Concordo Don... almeno qualche minuto per non dimenticare...
    e anche per conoscere la verità ...
  • claudia pinheiro montenegro il 03/08/2010 15:21
    Ciao Don,

    1980 minha filha nasceu

    hoje com os meus pensamentos
    confabulava
    sempre nos chegam pessoas
    (em modos e atos no fazer
    no falar ou no que for)
    que tentam nos "matar"
    ou a quem queremos o bem

    muitas vezes o conseguem

    aí Jesus me disse:
    Sejam meus discípulos,
    Perdoai-vos uns aos outros,
    Amai o próximo como a ti mesmo,
    Ande a segunda milha,
    Dê o rosto ao tapa,
    Dê a quem te pede,
    Façai ao outro o que gostaria que vos fizessem,
    Defendei os órfãos e as viúvas,
    Divida o teu pão,
    ...

    e me disse ainda:
    se não tivesse quem ferisse, como poderia perdoar?
    se não tivesse quem precisasse, como poderia ajudar?
    se não tivesse desprotegidos, como poderia proteger?
    se não tivesse faminto, como poderia dividir?
    se não tivesse, como poderia?

    e o mais é lançar o jugo sobre Jesus
    e aprendermos dEle como diz o Evangelho

    Jesus esteja tocando lá dentro do teu coração
    E curando toda ferida
    Te abraço forte
  • Fernando Biondi il 02/08/2010 22:32
    una tristissimma, realtà che ognuo come hai giustamente può.
    io l'ho ricordato con una poesia, che purtroppo però non vedo apparire.
    complimenti veramente bella la tua
  • Giovanna Cento il 02/08/2010 10:55
    Hai ragione... non bisogna dimenticare... concordo per i 2 minuti di silenzio e preghiera
  • Maria Piera Pacione il 01/08/2010 23:33
    con questa poesia apri il cuore di noi tutti in ricordo di una strage d'innocenti... concordo per i 2 minuti di silenzio e preghiera
  • laura marchetti il 01/08/2010 21:20
    la poesia è denuncia e deve parlare di tutto oltre che di cuore... grandissimo Don

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0