username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

per Laura e tutti i fiori calpestati

Lievemente vorrei, accarezzarti i capelli,
anche sapendo di non poter consolarti,
umidi gli occhi per il troppo pianto;
rossa tu, dall’angoscia, ed io, dalla rabbia,
accetta la mia umile e timida, offerta di pace.

Lacrime usate come gioielli,
aspettando il momento di liberarti,
udendo ancora le grida e lo schianto;
rotola adesso, e corri, e ridi, e gioca sulla sabbia,
accetta anche dall’onda, l’offerta di pace!

Limpide acque, del mare dei sogni:
ascolta con me il canto dei gabbiani,
unisci il tuo sorriso al coro della natura,
rendi completa questa unione di pensieri;
appoggia, e riposa, il tuo capo al mio petto.

Liberarti dall’ansia è fra i tuoi bisogni,
accetta il conforto delle mie mani,
usa, dei versi, la lenitrice fioritura,
ridi, se puoi, dei miei tentativi sinceri,
auspicando per tutti, un mondo perfetto!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

22 commenti:

  • lupoalato maria cannavacciuolo il 22/05/2008 17:38
    Bella!!! Vivace!!! ok...
  • Raju Kp il 02/04/2008 23:48
    appoggia e riposa il tuo capo al mio petto
    ridi se poui dei miei tentativi sincere.. sono parole belle e grande sensibilita'
  • Cinzia Gargiulo il 21/12/2007 20:02
    Poesia dolce e delicata che mette in evidenza, ancora una volta, la sensibilità dell'autore.
    Uomini PERBENE sicuramente
    ce ne sono tanti, ma com'è difficile incontrarli!
    Un abbraccio affettuoso.
  • Chiara S. il 26/08/2007 15:11
    splendida!! mi è piaciuta tantissimo...
  • Anonimo il 28/04/2007 00:01
    Molto bella, complimenti
  • Antonio Pani il 26/04/2007 17:49
    Bella ed intensa. Trasmette onestà, sincera partecipazione e trasparenza. Emozioni importanti e di spessore, come il tuo scritto. Bravo, a rileggersi, ciao.
  • Ivan Iurato il 24/04/2007 01:10
    Sicuramente sprigiona emotività e pathos, trovo, comunque, che alcune immagini non siano freschissime... molto belli i primi tre versi della chiusa.
  • Ezio Grieco il 23/04/2007 23:30
    Ciao Luigi, hanno detto tutto; io dico bella, bella, bella.
    Clezio
  • luigi deluca il 28/03/2007 09:16
    I fiori calpestati sono delle meravigliose creature che hanno subito profanazione, e, nonostante siano vittime, raddrizzano il gambo e ritornano a specchiarsi nel sole, che per loro, e solo per loro, emette un raggio speciale, carico di affetto!
    A quel raggio unisco il mio di affetto, e quello di tutti gli uomini "PERBENE"
    gigi
  • laura cuppone il 27/03/2007 11:33
    ciao gigi, grazie... nuoto cullata nel tuo caldo mare... e vedo l'orizzonte, ora... grazie... da tutti quelli che hanno compreso... L
  • sara rota il 21/03/2007 21:14
    Opera ricca d'amore e di tristezza al contempo. Davvero bella. Bravo
  • miryam maniero il 21/03/2007 21:14
    "musicale" questi versi di sofferenza e amore nel contempo... straordinaria purezza della natura nell'offrire amore sempre...
    Luigi è bello il tuo scrivere.
    un saluto.
  • Anna Lamonaca il 20/03/2007 11:27
    si respira amore qui dentro in ogni parola carezze e dolcezza... molto particolare il tuo scritto... una testimonianza d'amore!
  • Duccio Monfardini il 16/03/2007 15:12
    Bella Luigi, complimenti. Duccio.
  • Riccardo Brumana il 15/03/2007 23:21
    leggo parole amare provenienti da un cuore colmo d'amore. un turbinio di emozioni in una poesia sincera e sentita. bellissima.
  • LAURA B. il 15/03/2007 22:21
    la tu apoesia mi suscita immagini d serenità lontane eppure reali, mi mostra la luce che c'è alla fine del buio.
  • Caterina Siclari il 15/03/2007 12:41
    La natura riesce spesso a fare quello che noi uomini non possiamo: dona serenità e accoglie nel suo grembo materno.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0