PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'Aquila

Strade scoscese e tetti sbrandellati rivangano la fulminea sciagura.
Silenzio funereo e rumori esuli profanano la violata misticità del luogo; si sente il vecchio urlo del passato inghiottito dall'Inferno, la corsa affannata alla salvezza insperata; parte di Vita si addormenta insonne sotto la maledetta terra.
Solo vento e cielo accarezzano la Città con estremo commiato.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • patty picci il 02/08/2010 23:16
    bellissima dedica e non bisogna dimenticare mai mai mai
    infatti come dice bene laura se ne deve e dovrà parlarne sempre
  • Maria Piera Pacione il 02/08/2010 23:09
    L'Aquila tornerà a vivere se restiamo uniti forse ci vorrà più tempo di quanto speravamo ma siamo aquilani e non ci abbatteremo ne ora ne mai...
  • laura marchetti il 02/08/2010 21:30
    una triste realtà, spenti i riflettori la vita deve andare avanti, ma parlarne serve a tenere desta l'attenzione di tutti, bellissima dedica