accedi   |   crea nuovo account

La mia cecità

Smettila di parlare se devi dir cazzate
prima dicevi no e poi hai detto si
m'hai dato della matta e paranoica
ed io ti ho dato anche ragione ed occasione
Aprivo gli occhi ogni mattina
e c'èra un buco tra te e me
futilità dicevi tu, cose non belle
si può evitar di dirle senza inganno

ma matto eri tu a non dirmelo per tanto
e dovevo ritrovare quella fede nel ventre
delle tue omissioni

vivevo dentro un'ansia che avevi costruito tu
sulle macerie mie dei miei castelli vecchi
ma l'alitare mio sul collo tuo lo rifuggivi
menando di esser vittima del mio passato
Perdono tu mi chiedi come un clichè consunto
perdono chiedilo a te stesso se ti trovi
se di onestà ti puoi vantar davanti a me
con tutti quei gemelli che ho incontrato

ma matto eri tu a non dirmelo per tanto
e dovevo ritrovare quella fede nel ventre
delle tue omissioni

Mi dici pure che ho la gomma facile e veloce
da cancellare in un momento il nostro sentimento
e tu da scalpellino hai lavorato in ombra al tuo declino
credendo di poter senza ritegno usare i giorni nostri
Come si fa a ritrovar la strada persa
a riempir d'acqua un vaso rotto ed incollato
a dare un bacio a chi ti ha beffeggiato
e tutto il tempo nei miei occhi si è specchiato

ma matta ero io a non dirmelo per tanto
e dovevo ritrovare quella fede nel ventre
delle omissioni tue

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 06/06/2011 08:22
  • Anonimo il 07/08/2010 08:07
    Paola è bellissima..
    Questa è forza e grande coraggio...
    Poi alla fine l'amore forzato e scassinato... finisce.

  • Kartika Blue il 04/08/2010 12:03
    sei molto diretta, l'avrai colpito per bene con questa tua poesia!!
  • laura marchetti il 04/08/2010 08:55
    bellissima fede nel ventre delle tue omissioni...
  • Sergio Fravolini il 04/08/2010 08:37
    Uomini e donne... per nulla.

    Sergio
  • Giacomo Scimonelli il 04/08/2010 08:17
    ti sei superata... complimenti...
  • Anonimo il 04/08/2010 08:12
    Parla di noi tutti... in un modo quasi sconvolgente. La donna con la gomma, l'uomo con lo scalpello... due muri non si parlano. Illuminante

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0