accedi   |   crea nuovo account

Incorreggibile

Osce m'aggiu ddiscetatu
ca tenia puru cchiu cazzi pe lla capu,
nci mancava sulamente
sta visita de li caramba.
Ma forte l'allegria de la natura mia
ncignai cu cantu la canzune mia!

Tantu pe ncignare bbu dicu ca su'nfame,
de l'autri me nde futtu, pensu a mie,
e poi ca lu collegiu è stata casa mia,
ma no colleggiu cu lle suore,
magari! colleggiu cu lle sbarre!

Moi tegnu li domiciliari e bbindu fumu,
speriamu ca la pula nu mme zzicca,
speriamu propiu! ca tegnu menzu chilu
a rretu lu parite e quattru mmalandrini
sittati a rretu lu sciardinu ca olenu li sordi,
ma ieu nu' nni li dau, su' mberda!
e campu de nna vita intru lla mmerda!

Poi, dopu ca l'aggiu endutu tuttu,
ci nu mme zzicanu, me n'diau
spariscu, me llargu pe nnu picca
e quandu l'acque s'anu fermentate
ritornu e nni la mintu 'ntorna an culu a tutti.

 

l'autore Paola Pinto ha riportato queste note sull'opera

Dialetto leccese
opera di fantasia


2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • ELISA DURANTE il 29/09/2010 17:52
    Meno male che hai messo la traduzione, non riuscivo neppure a leggere, sembrava uno scioglilingua. Voto la traduzione!
  • Paola Pinto il 04/08/2010 14:32
    Traduzione letterale: dialetto leccese-italiano
    Composizione di fantasia

    Incorreggibile

    Oggi mi son svegliato
    che avevo pure più cazzi per la testa,
    ci mancava solamente
    questa visita dei caramba.
    Ma forte l'allegria della natura mia
    incominciai a cantare la canzone mia!

    Tanto per iniziare vi dico che sono un infame,
    degli altri me ne fotto, penso a me,
    e poi che il collegio è stata casa mia,
    ma non collegio con le suore,
    magari! collegio con le sbarre!

    Ora tengo i domiciliari e vendo fumo,
    speriamo che la pula non mi prende,
    speriamo proprio! che tengo mezzo chilo
    dietro il muro e quattro malandrini
    seduti dietro il giardino che vogliono i soldi,
    ma io non glieli darò, sono una merda!
    e campo da una vita dentro la merda!

    Poi dopo che l'ho venduto tutto,
    se non mi prendono, me ne vado
    sparisco, mi allontano per un poco
    e quando le acque si son calmate
    ritorno e gliela metto di nuovo in culo a tutti.
  • Giacomo Scimonelli il 04/08/2010 08:42
    molto musicale... piaciuta
  • Sergio Fravolini il 04/08/2010 08:39
    Scusami ma purtroppo non capisco il dialetto.

    Sergio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0