accedi   |   crea nuovo account

La disputa del campanile

Ogni ora
e sua mezz'ora
campanile
suoni ancora
che il turista
assai schizzato
avea un dì imbavagliato.
"Fastidioso
il suo rintocco
non ci si può
dormire sotto".
E al prete
un po'imbranato
ha consegnato
l'ultimato:
"Il campanile
non voglio sentire
qui si deve
pur dormire."
E così
campana secolare
non ti abbiamo
più sentito suonare.
Ma i sonnambuli incalliti
i vecchietti ormai storditi
i dormiglioni impenitenti
non eran molto contenti:
nel rumore di città
nella vita tra i carruggi
nel silenzio della notte
ci mancavi campanile.
Eravamo affezionati
al rintocco
assai gentile,
la tua voce
accompagnava
la giornata che passava.
Ma si sa
coi residenti
non si può
mostrare i denti:
una petizione
abbiam firmato
e il campanile
ha risuonato.
Or che gioia
risentire
quelle voci di campana
che ad ogni ora e sua mezz'ora
ci ricorda
che il tempo vola!

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 13/08/2010 12:23
    musica melodia che addolcisce e conquista il cuore di chi legge... grazie
  • marinella addis il 05/08/2010 08:44
    .. e molto reale!...è proprio andata così...!
    un tipo spiritoso ha aperto un B&B vicino al campanile e poi voleva farlo tacere!
    Il parroco senza avvisarci ha chiuso le campane... e noi.. siamo insorti.
    risultato... solo di notte le campane tacciono... escluso Natale e Pasqua!!!!
  • Giacomo Scimonelli il 04/08/2010 21:21
    originale ed orecchiabile... bella... piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0