PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Forse, altrove

Nello spazio, nel tempo, in un posto,
forse lontano da qui, forse altrove
rincorrerò la mia ombra,
rimpiangerò il peso di una lacrima,
che non avrà più viso per scendere,
nè più mani per accarezzare,
nè più ossa da trasportare.
Forse ritroverò chiuse
dentro il pugno del ricordo,
le pagine della mia memoria
che non avrà più tempo da ricordare,
quando, dismessi gli abiti di una vita
dentro gli occhi dell'universo,
il respiro sarà lo stesso di chi
si è già allontanato,
con la promessa,
con la speranza, di tramutarsi
dentro ad un sorriso.
Forse altrove, forse senza paura,
lasciando acceso il battito dentro un soffio
di eternità,
flebile fiammella,
all'impietoso vento dell'esistere.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • 7q il 21/11/2012 22:15
    a prima vista confusa e di difficile lettura. forse aiuterebbe separare le strofe e districare i periodi con dei punti fermi (soprattutto il secondo che forse è un po troppo lungo).
    dalla prima parte traspare il riferimento a una dimensione immateriale (sena gravità, senza ossa) e atemporale (senza memoria, dove i ricordi del passato restano rinchiusi in un pugno). il verso "quando, dismessi gli abiti di una vita" suggerisce quasi la restituzione di un corpo preso in affitto dall'universo (un universo che vede tutto... forse un Dio?) e all'universo restituito e quindi avvicina questa dimensione astratta ad una specie di aldilà a cui l'io poetico si avvicina con speranza, con la fiducia di una promessa. l'immagine del sorriso richiama per contrasto quella della lacrima iniziale e ne spiega così la metamorfosi, la trasfomazione che l'io ha subito in queste prime due strofe.
    ultima strofa folgorante nella sua sentenziosità. riassume tutta la poesia cristallizzando un battito, qualcosa di vivo (un cuore?) dentro un soffio di eternità, qualcosa di trascendente (un anima?) e tutto questo per resistere eroicamente alla bufera dell'esistere.
    non mi piace il titolo.

3 commenti:

  • - Giama - il 05/08/2010 23:24
    è piacevole rileggerti... e trovarti sempre grande!

    Gia
  • tania rybak il 05/08/2010 23:19
    chi sa, forse, sempre bella, baci
  • Anonimo il 05/08/2010 19:14
    Molto bella
    salutoni
    Karina.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0