username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Austero

La voce venne solenne dalla foce
infinita del pozzo
ormai colmo di spietati
corpi indaffarati a mentire
a se stessi.
Disse che non era svanita nel nulla
di ricerche più o meno riuscite,
scandite da un tempo incoerente
e nell'inganno seppellite
da un eterno per sempre.

Sono la forza che non puoi annientare,
sono l'unica al mondo che ti fa capire
quanto puoi essere solo fra la gente
e felice cantando in gabbia.
Sono la forza che ti spinge a credere
all'armonia cosmica fra il passivo e l'indomito.
Sono la realtà dietro l'orpello,
sono l'unica al mondo che ti fa scoprire
quanto può essere bello perdere e ripartire
verso la cella più buia
colma di corpi inerti.

I morti non si arrendono.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 05/08/2010 23:42
    bella forte e ferma... la chiusa un vero colpo magistrale
  • Anthony Black il 05/08/2010 21:23
    i morti non s'arrendono.. complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0