username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Anima

Ti conduco per mano nel boschetto
di mirtilli e noccioli,
ti dondolo sull' altalena appesa
alla grande quercia silenziosa,
ridi e chiudi gli occhi
per gustare la vertigine,
resti imprigionata nella foto
e non sei più il moretto
ricciuto che sentivo di avvolgere
con i miei lunghi capelli ma
un giovane caldo di sole e
pieno di calma profonda.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Eileanoir ~ il 08/08/2010 11:36
    una bellissima immagine...
  • Anonimo il 08/08/2010 10:43
    In quella calma l'anima si rasserena!
    Bella davvero, complimenti!


    A. R. G
  • marilena il 08/08/2010 10:23
    il moretto ricciuto, la mia anima, è mio figlio; come dice Giacomo, che bene interpreta la mia poetica, il mio più grande amore;ringrazio tutti perchè ho combattuto per far pubblicare questa poesia bocciata due volte dai correttori.
  • Sergio Fravolini il 08/08/2010 08:50
    È un'opera di classe scritta in un momento di puro sconforto. Brava.

    Sergio
  • loretta margherita citarei il 08/08/2010 07:56
    dolcissimi versi, lirica molto apprezzata
  • Giacomo Scimonelli il 08/08/2010 01:41
    non sei più il moretto ricciuto... adesso sei il mio più grande amore.. il mio unico e solo uomo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0