accedi   |   crea nuovo account

Per te, che chiamavo amore

Riacquisto
le perdute energie,
liberandomi dal doloroso
torpore,
quel luttuoso pensare,
conseguenza della fine di un amore,
che di nero tinge
il giorno ed affossa la mente.
Rinascendo, in alba chiara,
si frantuma il ricordo di te,
che tanto amai,
volano nel vento dell'oblio
i mille pezzi delle tue foto.
Che senso ha ricordare
un amore bugiardo?
Vedo ora
la trasparente realtà,
spezzato il filo
che marionetta mi rendeva
nel tuo perverso gioco,
non invidio certo lei,
che a me ti ha strappato,
la considero come
una benedizione,
provvidenza divina.
Che ti sopporti lei,
che beva lei quella poltiglia
di ribes rosso,
che tu chiami amore,
che fai apparir dolce,
ma che presto si muta
in acido succo,
che ti sopporti lei
fino a quanto
scoprirà
che il diamante
non è altro
che un fondo di bottiglia.
Tu sei un uomo
che nulla vali,
dicevi di saper amare,
ma ami solo te stesso,
un arlecchino con mille maschere
ed il naso di Pinocchio.
Spero che, un giorno,
per il tuo bene
e per chi ti sarà accanto,
cessi tu d'esser vile,
che possa,
riguardarti allo specchio
come un vero uomo,
in quella dignità
che ora miseramente,
hai perduto.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 09/08/2010 00:40
    bella ed intensa come la tua anima di poetessa
  • franco buldrini il 08/08/2010 23:46
    Cancellalo altrimenti continuerà a farti del male. Hai tantissimi amici per ora ti devono bastare, poi l'amore è sempre li in agguato. Però aggiusta il bilancino dell'amore aiuta a non cadere in nuovi tranelli. Ciao Lori
  • Anonimo il 08/08/2010 18:48
    belle ma crude parole..
    bellissima ma triste poesia, intensa e vera..
    una sola considerazione positiva, che Lui non scrive sicuramente simili poesie..
    bravissima Loretta..

    Ciao Ilio
  • Anonimo il 08/08/2010 18:06
    Speriamo che quest'uomo impari ad amare. A Lei, faccio i miei più sinceri auguri e complimenti per la poesia.
  • Auro Lezzi il 08/08/2010 17:54
    Uhmmmmmmmmm... Privatamente ti ho scritto ben prima di leggerti.. Non mi resta che aggiungereoveraccio e che si è perso.. Avere il culo di conquistare la Loretta e perderla così... Ma io so che... La poesia non è certo delle tue migliori,, Sembra più un Wanted,,,,
  • Cinzia Gargiulo il 08/08/2010 13:42
    Certi eventi che ci fanno tanto soffrire a volte si rivelano provvidenziali se servono a farci aprire gli occhi su una realtà che avevamo sotto il naso e non vedevamo.
    Può essere dura ma è molto meglio seppellire per sempre un" amore bugiardo" ed andare avanti con la propria vita.
    Bravissima Loretta!
    Ah bè... m ti credevo in vacanza e a riposo dal sito...
  • Giacomo Scimonelli il 08/08/2010 13:40
    ... dignità che ora miseramente hai perduto...
  • Don Pompeo Mongiello il 08/08/2010 13:36
    La solita firma di una grande del sito, non aggiungo altro.
  • Laura cuoricino il 08/08/2010 13:29
    Analisi profonda e poetica della 'pochezza' di certi individui che hanno infestato la nostra vita con la loro subdola presenza, ma per fortuna per poco... il tanto per opprimerci ed annientarci!
    La chiusa è l'esperssine di una maturità femminile superiore alla grettezza di un elemento del genere!
    Ottima, Loretta!
    Ciao. Cuoricino.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0