accedi   |   crea nuovo account

Banale normale

Normale uguale banale,
io più il gruppo spaiato,
io e il gruppo omologato,
sempre seduto nel mezzo.
Idiomi barbarici a destra
e manca una voce tra le tante
voci presenti all'appello,
mi manca il coraggio,
mi piace l'abisso
e confini inesplorabili
dalle menti più sagge.

Vuoi vedere farfalle?
Nel tempo che va... non è colpa mia,
è l'eterno riposo
mai assente
e mai punito in condotta.
Solo vermi necrofili nel mio cesto.
Non c'è tempo per pentirsi
di tutto il bene fatto al prossimo,
mentre i mille denti sorridenti
fanno banchetti.

Che ti hanno fatto, tesoro,
che ti hanno fatto?
Così profonde le acque,
così grande il tuo letto,
e pesante il libro sulle spalle.

Un giorno è passato,
estate da cestinare
tutti i giochi sporchi
persi fra le note e i fumi
dell'oblio. E manca una voce
tra le tante invadenze:
il peccato, una lezione interminabile
sul ritmo del cuore,
lontani dalle parole,
solo un fiume che rompe gli argini
e invade la sponda di me:
banale uguale normale.

Il nostro credo stuprato,
agonizzante sulle strade,
addormentato fra i rifiuti,
e ardentemente desiderato
quel momento bastardo
che ci frega tutti,
senza esclusione di corpi
egoisti fino alle midolla
dove scorre. Scorre...
fino al mare del ricordo;
si prosciugasse questo bisogno,
si annullasse nel nulla.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 09/08/2010 00:33
    cruda forte emozioni al cardiopalma che aiutano a riflettere e penetrano come un pugno nello stomaco
  • Giacomo Scimonelli il 08/08/2010 22:04
    di piacevole lettura... bella
  • Anonimo il 08/08/2010 18:25
    Certamente la più originale di quelle pubblicate oggi!
    Quindi ti vanno i miei complimenti!


    A. R. G
  • loretta margherita citarei il 08/08/2010 17:22
    molto intensa, fa pensare. piaciuta molto
  • giovanni crisostomo il 08/08/2010 17:19
    Inquietante (in senso buono) lamento contro l'ineguatezza e il disagio del vivere nella palude della mediocrità-banalità. Molto interessante, con alcuni veri e propri lampi lirici.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0