accedi   |   crea nuovo account

Il gigante

Batte un cuore di bambino
nel tuo corpo di gigante.
Tu:miracolo vivente,
scampato per ben tre volte
alla morte, per volontà del Padre.
Caparbio, come un macigno,
irruente, come un fiume in piena,
vitale, come le gemme di primavera,
tenero, come un cucciolo sperduto.
Tu:figlio, tanto desiderato e,
tra lacrime e tormenti, tirato su a stenti.
Procedi sicuro sulle strade della vita,
come se niente fosse mai accaduto.
Il tuo passo è veloce, la mente agile;
le mani protese verso gli altri;
l’animo sensibile ad ogni nuovo incanto;
l’orecchio teso, pronto a cogliere
l’armonia del canto, il cinguettio
degli uccelli, la voce di Dio.
Sorreggerai tu un giorno, gigante,
questa piccola madre,
allorquando le membra, spossate,
cercheranno riposo,
e la voce stanca ti parlerà
di quando eri bambino.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 28/08/2007 10:54
    Che splendida dedica per il proprio figlio, con una madre così speciale non poteva che essere diversamente, hai seminato bene. Brava Caterina.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0