PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'invidia

Quando guardo i tuoi occhi verdi, invidia,
mi accorgo che il tuo abbraccio
mi soffoca di giorno, e mi deride ogni notte.
Negandoti lo sguardo, mi fingo solo libero,
la pena che mi faccio è una piaga di impotenza.
La tua foga seducente porta i miei pensieri
su confronti dei più indegni,
segno dei più chiari del mio sadico volerti.
E non so ancora se quella che bacio
è una bocca che mi nutre
o una lama che mi rende muto.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 10/08/2010 02:30
    ottima descrizione dell'invidia sezionata e plasmata nei tuoi versi
  • Anonimo il 09/08/2010 19:02
    Brutta bestia l'invidia!
    Chiara e scorrevole!


    A. R. G
  • Anonimo il 09/08/2010 17:29
    Una leggera invidia è una pulsione naturale che induce a migliorarci. Quando deborda, l'invidia,è mortifera come la più feroce delle bestie.
    Bella poesia.

    Karina
  • Anonimo il 09/08/2010 16:21
    'E non so ancora se quella che bacio
    è una bocca che mi nutre
    o una lama che mi rende muto' immagine molto forte e ben resa complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0