PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Preghiera

Porgo lo sguardo all'infinito cielo
nella speranza che quello spazio
possa accogliere tutta la mia amarezza.

L'aria pungente della notte largisce
secche sferzate sul corpo.

Ma il cuore, benché contrito,
emana un'intangibile energia
capace di resistervi.

Cercando l'estremo contatto
tanto con il creato che con
il suo Creatore,
il disagio della mia condizione umana
si attenua, si dissolve.

La mia anima provata, il mio spirito,
assurge fino ai più alti cieli.

Padre, hai ascoltato i miei lamenti.
La Tua carità è abbondata in me.

Le lacrime che ora solcano il mio viso
non sono più di dolore, ma di gioia.

E la Tua pace m'accoglie.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 11/08/2010 10:09
    stupenda incute tanta pace
  • Anonimo il 11/08/2010 08:47
    Molto bella. Incute serenità ed è scritta molto bene.
  • Anonimo il 11/08/2010 08:37
    Una preghiera che sale al cielo e ricade su tutti noi.
    Bellissima espressione di gratitudine verso Dio.
  • Giacomo Scimonelli il 11/08/2010 05:41
    bellissima.. quando una preghiera scritta con il cuore diventa poesia... tra i preferiti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0