accedi   |   crea nuovo account

La fnastrèla 'd Marchin

Bianch, cichìn e trabalént,
ier Marchin l'à pers un dént.
Da na stmàna in spincajùn,
quan-c lamént e quan-c lusgùn!

- Guarda, mama, en càsca méja...
En's pree mia far na magéja? -
- Agh pens mé. Tulàm un fil,
cul ch'a drov anch a cusir,

al lighàm inturen strécch
e magari agh fam un gròpp.
At vadraa: in quatr'e quatr'ot
un cuipàt e e ven via int un bòt. -

- Ma no, mama, t'àm faa mal!-
- Un psighìn, t'ant n'adaa gnan,
po' int un un fasulàt pigaa,
agh matàm e dent cavaa,

al pugiàm suvra e cumdin
e stanòt un bel tupin
e ven ché e es'el porta a cà,
ma un suldin et lasarà. -

- Mama, am cuntet na buséja? -
- Vot che mé an'el sàpia méja?
Al cavàm, j'andàm a durmir
che e tupin acsé e prà gnir...

"Nina nana e mè putin...
... fin a jer gh'iva un dentin...
... e adès gh'è na fnastrèla...
... fa la nina nana bela..."

 

l'autore Maria Teresa Pantani ha riportato queste note sull'opera

2007 - Dialetto di Valestra-Carpineti (Appennino RE).

Piccolo, bianco e ballerino
Marco ha perso il suo dentino;
traballava in mezzo ai denti,
quante lacrime e lamenti!
- Guarda, mamma, è ancora su...
C'è una magia perché venga giù?..


0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 11/08/2010 16:44
    Una bella poesia letta con piacere

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0