PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Riso isterico

Cosa ci passa dinnanzi?
Idoli aurei, corpi senza anima, cumuli di carne da macello già condannati ad una esistenza fatta di bassezze. Le immagini passano repentine di fronte quegli specchi che molti chiamano occhi, e sembrano vogliano dire nient'altro che: vanità! vanità! vanità!
Cosa sono senza di te?
Un corpo inerme, in attesa di impulsi e di qualcosa che mi parli di te. Un anima sola che tesse la tela dell'attesa e dell'abbandono, che aspetta il suo Godot, rinunciando alle stagioni, alle rose, ai profumi, alla vita.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 30/09/2008 14:25
    Anche l'attesa è degna, sempre.
    Permette di osservare e ammirare senza necessariamente dover rinunciare agli innumerevoli Godot che prendono vita a ogni sguardo.
    Interessante questo riflesso di luce.
    nel
  • Riccardo Brumana il 19/03/2007 00:03
    non vedo il nesso con il "riso isterico", migliorabile nella forma.
  • sara rota il 18/03/2007 19:55
    Mai rinunciare, anche se chi si aspetta non arriva...
  • Mario Secondo il 18/03/2007 18:31
    non so perchè ma ho l'immagine di corpi incandescenti che attraversano un paese di campagna!! Bella complimenti! MS

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0