accedi   |   crea nuovo account

Charles Robert Darwin

Lo fato
volle
che lo Mastro Alighero
ne li oscuri meandri
incontrassi
e per mano
me portassi
ne li peggiori gironi
de lo inferno
senza fine.
Quanno
de botto
lo Dante
se fermò,
me disse:
- Guarda un po'!
Lo riconosci?
Lo guardai,
lo guardai
de novo:
- Ma sì,
l' omo scimmia
Charles Robert Darwin
est.
A sto momento,
silenzio
fuit,
e 'na voce
rrispundette:
- Bravo!
c' hai azzeccato!
E sai pecché?
A i le rispundette:
Pecché in Dio
e lo suo Creato
nun credette,
ma ne
la Vita occasionale
credito
dette.
Tutto
poi
svanì,
ma io
spenserato
e soddisfatto
poi
da lo letto
sursi.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Laura cuoricino il 13/08/2010 23:29
    Simpaticamente originale!
  • Giuseppe Bellanca il 13/08/2010 23:08
    Mi piace stile originale
  • Anonimo il 13/08/2010 22:43
    Sei sempre una miniera di cultura, stile e simpatia...
  • Donato Delfin8 il 13/08/2010 22:16
    Ottima Don.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0