username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Settantasei

a tender il parvo tocco di quell'aria, com'una carezza,
una sottil lacrima sgorgar fulgida di mattina,
dalla coda d'un mio occhio, spinta dalla brezza
serpeggiante dietro in brividi, com'una paura vicina,
intonando gli schiocchi della nostra moto, a noi avezza,
nel trottar com'un vecchio cavallo dalla criniera crepuscolina
e proceder verso quell'orizzonte d'approdo senza certezza.

Di tanti pensieri e parole, coglierne intorno solo dei color fuggire,
dai bordi della strada, dalle nuvole del cielo, dalla nostra vita,
per riapparir forse sott'altre parvenze, più in là, fino a stordire
la corsa del mio sguardo, del tuo, e la meraviglia dentro concupita.

Magari morir da passeggero d'un viaggio e sparire,
come quelle forme e quel sapor de' ricordi, lambire i fianchi d'una strada infinita,
almeno per un istante percorsa in silenzio, senz'altro ardire,
almeno rimpianger alla fine solo ciò per cui morire...

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • tania rybak il 16/08/2010 15:43
  • claudia checchi il 16/08/2010 14:44
    molto bella complimenti davvero... dai quei pensieri coglierne
    intorno solamente i colori e poi fuggire...
    claudia
  • vincent corbo il 15/08/2010 07:45
    Un poeta nuovo per questo sito, ma che ha molto da insegnare.
  • loretta margherita citarei il 14/08/2010 20:29
  • Paola Pinto il 14/08/2010 20:21
    Vivere la vita attimo per attimo, godere il senso del momentoe un giorno morirnr paghi!
    Sarebbe bello riuscirci

    Belle le tue poesie