PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Senza un nome

ermetica come un giapponese,
continuo a guardare
impassibile ma incantata,
la luna che cresce nei tuoi occhi.

il fascino è tutto quello che non sai.

non vorrei di nuovo
per sentirmi viva,
doverti uccidere.

creatura di luce,
voglio risparmiarti.

se questo turbine è una malattia
vorrei che mi uccidesse ora.

lo sai cosa dicono
di chi mette troppo sale
quando cucina?

ma ti prego,
non dire MAI per sempre.

siamo sempre e solo di passaggio.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 15/08/2010 23:14
    Visione molto personale per descrivere i sentimentì che rompe gli schemi della poesia classica! Molto brava!
  • giovanni crisostomo il 15/08/2010 18:55
    Ecco perchè io sono sempre un po' sparagnino col sale! Grazie della risposta velocissima. Buon proseguimento anche a te, fanciulla sognante.
  • c m il 15/08/2010 16:02

    ti ringrazio molto.
    credo sia proprio un bel complimento.

    una mia amica tedesca mi ha detto che loro dicono che chi scivola e mette troppo sale mentre cucina è perchè è innamorato.

    buonagiornata
  • giovanni crisostomo il 15/08/2010 15:38
    Ermetica come questa poetessa, che affascina con le sue immagini sognanti. Cosa dicono di chi mette troppo sale?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0