PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

In me la vita senza forma

Qualcosa è abortito
in me.

Cosa?
Non so

Ora si decompone
e non sento più
la vita

Infetta febbricitante
l'anima infiamma
giorni senza forma

Viene poi
il giorno in cui
il mio unico desiderio
è di esser investita
da un punto
d'inchiostro,
enorme,
di un nero divorante:

voglio il mio finale

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 25/03/2017 01:37
    apprezzata... complimenti.

3 commenti:

  • fabio salvatore pascale il 14/09/2010 00:39
    avvolte un po' di forza interiore non guasterebbe
  • giovanna raisso il 02/09/2010 22:00
    ci si sente imperfetti.. in "giorni senza forma.." oltre l'orior.. ma per quel "non so.."non basterebbe inchiostro..
    è bellissima
  • rosanna erre il 17/08/2010 10:21
    Una fine che inizia un'altra fine.
    Un po' come l'avvio del declino di un impero, ma forse la chiave è in quel "non so".
    La ricerca dentro e fuori se stessi è forse una cura contro la rassegnazione?
    Non so.
    Complimenti, poesia interessante.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0