PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L' avido

Mentre
co' lo mastro Alighero,
da chesta
brutta vista
de lo girone
ultimus
de lo inferno,
che spes
nun lassa,
allontanar
lo passo,
scorsi
meo malgrado,
uno de mi' conoscenza
che,
in vita
pur li Euro
accumular,
lo amico
suo miglior
e frutto
de lo mi' amor,
onesto e galant'omo
a le spalle
pugnalar,
strano fuit,
non fra le fiamme
bruciar,
ma ad ogni tocco
de Euro
ahi, ahi
dir,
e ben
lo credo
infocati
fuit
da lo demone
schernitor
e giustizier.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0