accedi   |   crea nuovo account

Prologo (1987)

Lo sguardo fisso a guardare il Nulla,
scrutare il Vuoto a cercare la Luce.
Le stelle hanno lasciato il cielo
e la striscia dell'alba ormai tocca la Terra,
ancora pochi attimi e i raggi del sole,
che torna ad illuminare il Mondo,
malignamente rimbalzeranno sull'Idolo di vetro che sempre ho accanto,
così che ne sarò accecato,
come ad ogni spuntare del sole mi negherò la Luce,
finché non troverò in me il coraggio di infrangere la Bestia in guisa di bottiglia

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Cinzia Gargiulo il 17/08/2010 20:28
    Concordo con Ignis. Piaciuta!
    Ciao...
  • Aedo il 17/08/2010 13:17
    Bisogna sempre andare avanti, verso lidi più luminosi, lontani dalla bestia... Poesia molto significativa.
    Ignazio
  • Laura cuoricino il 17/08/2010 11:56
    ... cercare la Luce, scrutando il Vuoto!
    Molto bella, originale e con uno stile particolare!
    Complimenti, Giampaolo!
  • laura marchetti il 17/08/2010 09:36
    falsi bagliori che infrangono la trasparenza e la chiarezza delle cose semplici...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0