PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ottantacinque

poter riaccarezzare il vecchio mar sussurrante,
di presso alle onde come ai miei pensieri,
rimirarlo nel suo inceder lento ed errante,
insieme ai furiosi ricordi delle stagion di ieri,
ed un giorno bramando con quelli di dissolvermi morente
laggiù sotto i suoi occhi blu e fieri,
facenti del mio cuor un oceano di menti,
come di tante persone e volti, ogn'un sinceri,
ad onta dello sguardo giudice delle genti!

ed immaginar quanto pudica qui la morte ed i suoi riti funerei,
e quanto calorosi l'abisso ed il suo silenzio nonostante
quei suoni, quei colori e quei profumi cinerei,
pensando al sapor del sale stridente e costante
come al sapor d'un figlio del mare, laggiù dansante...

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • tania rybak il 19/08/2010 00:51
    non saprei dirti altro se non il fatto di riconoscere che sei un vero talento, complimenti
  • laura marchetti il 18/08/2010 16:48
    sarò ripetitiva sei molto bravo... all'ottantacinquesima potenza
  • loretta margherita citarei il 18/08/2010 15:43