PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il freddo

Chiuso in me stesso
alla disperata ricerca del caldo
riccio urbano di un inverno passato

Cammina respira e stringi le spalle
nel buio di una città che disincanta
dove il fiume non conta nulla

Lampioni che tinteggiano l'asfalto d'un fastidioso arancione
banali esibizionisti su macchine scarse in cerca di considerazione

Cammina respira e stringi le spalle
nel buio di una città che non ti ha amato
dove il fiume non è buono nemmeno per pisciarci

Cammina cammina e sali su quel treno!
Cammina cammina e abbandona il freddo
Cammina cammina e ricordati del controllore

Felice per un raffreddore
accetta il sentimento del tuo sangue,
l'amore dei tuoi geni.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Nenia Samael il 20/08/2010 20:04
    Una bella descrizione cittadina, molto comune a tanti posti oramai...
  • Anonimo il 18/08/2010 19:14
    Originale!
    Piaciuta!
    Molto bravo!


    A. R. G

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0