PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ottantasette

aprendo le mani volte verso il cielo,
al piover improvviso delle prime gocce,
eccomi accoglierle come lacrime, precipiti su uno stelo,
quello d'un fior compianto, qui, sorto dalle rocce,
a colorar di vita questo e quel velo,
quasi sussurrando lui solingo al cielo,
piccoli pensier divenuti ora grondanti gocce...
pensier, ricordi e speranze tesi ad un filo,
scivolar con la pioggia su uno stelo e su un velo...

eppur tra tante nuvole cinger di grigio il cielo,
ora non ricordarne passeggero che il sereno,
mutatosi d'un tratto in grigiore ed immane telo!
e sotto tanta pioggia in lacrime ed il lor triste treno,
ecco un fiore, qualcosa su cui pianger di nuovo a ventur sereno,
i pensier, i ricordi, le storie con fanatico zelo,
un fior perso tra le rocce e nel suo seno
un cuor nuovo a tinger di colori questo e quel velo...

e sol ora contar quante di quelle gocce cadute per crescere quel solo fiore... aprirsi al cielo,
dando altri nomi e volti a quelle gocce, a quelle rocce, a quel velo,
ed a tante lacrime cadute su un paese intero...

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Carlo Caredda il 21/12/2010 14:04
    Bellissima, ho avuto immagini in bianco e nero
  • Paola Pinto il 20/08/2010 02:44
    Il dolore universale ci lega tutti insieme, la durezza della vita è universale!... ma la bellezza della vita è insostituibile nel suo continuo evolversi!





  • Anonimo il 19/08/2010 22:52
    Particolare il tuo poetare, mi piace. Mi piace la delcezza nel tuo esprimere dolore... in breve una gran bella poesia e grazie di cuore!
  • Giuseppe Bellanca il 19/08/2010 18:57
    bravo uno stile originale di scrivere.
  • loretta margherita citarei il 19/08/2010 18:53
    fantastica